ItalianoEnglishDeutsch
diventa fan

Costruzioni a secco, evoluzione costruttiva senza confronti

Notizie
Il settore immobiliare, nella sua frangia avanzata, si sta oggi indirizzando verso nuovi metodi costruttivi, primo fra tutti il sistema costruttivo a secco. Il sistema a secco si basa sulla prefabbricazione: si contrappone alle tecniche costruttive tradizionali che impiegano leganti, come malte, cementi, colle e presuppone che i componenti vengano prima realizzati in fabbriche specializzate e successivamente assemblati in cantiere.

La mancanza del vincolo al laterocemento riduce i tempi di realizzazione e libera il progettista di scegliere tra più materiali costruttivi, per rispondere con una rinnovata flessibilità alle esigenze estetiche del progetto, e non solo. Dal punto di vista del risparmio energetico le costruzioni a secco sono già predisposte per costituire la struttura a sistemi di isolamento termico e acustico, impiantistica, ottimizzazione dei consumi energetici e produzione di energia da fonti rinnovabili.

L'aumento delle installazioni impiantistiche, inoltre, e la conseguente necessità di trovare dei metodi per semplificarne la manutenzione o la riparazione, richiede la costruzione di sistemi flessibili e facilmente ispezionabili. A tutto ciò si aggiunge l'aumentata sensibilità nei confronti delle tematiche della sostenibilità,
che implicano la realizzazione di edifici a basso impatto ambientale, con consumi energetici ridotti, che non rinunciano però agli stili dell'architettura contemporanea.

riassumendo...

I tre vantaggi fondamentali di cui bisogna tenere conto nell'adozione di tecniche di costruzione
a secco in cantiere sono:
  • Assemblabilità: i componenti devono essere maneggevoli e collegabili con facilità, e assemblati anche in previsione della loro smontabilità e del loro riutilizzo;
  • Flessibilità: i componenti devono consentire anche le modifiche in fase di esercizio, come per esempio il cambiamento della distribuzione degli spazi interni di un edificio;
  • Reversibilità: vi deve essere la possibilità di dismissione di un'opera con riferimento.